Articoli

Vade retro sito vetrina! Perché preferire un blog

C’è una piccola parabola Sufi che si presta ad introdurre l’argomento di oggi: l’inutile sito vetrina. Un giorno, un amico vede il Mullah inginocchiato per la via e intento a cercare qualcosa. Si avvicina e chiede: «Mullah, che cosa cerchi?». E il Mullah risponde: «Ho perduto la chiave». «Oh, Mullah, che peccato. Ti aiuterò a cercarla.» L’amico si inginocchia e domanda: «Mullah, dove l’hai persa?». E il Mullah risponde: «L’ho persa in casa». «Allora perché la cerchi qui fuori?». E il Mullah: «Perché qui c’è più luce». Con lo stesso atteggiamento molte aziende approcciano al web con la convinzione che sia un posto ricco di luce dove trovare grandi opportunità con il minimo sforzo, dove anche un sito vetrina potrebbe bastare. Niente di più errato!

Ma che cos’è un sito vetrina? È un sito di poche pagine che fornisce le informazioni essenziali sull’azienda, che non riceve aggiornamenti periodici e generalmente ha un costo molto basso, ma un ritorno economico per l’azienda, prossimo allo zero. Generalmente sono quei siti che quando si incontrano sul web si impiega un certo tempo per capire se sono stati dimenticati nella Rete come i satelliti spenti nello spazio. E non occorre essere esperti di marketing per comprenderne gli effetti negativi sull’immagine dell’azienda.

Ecco perché dire no ad un sito vetrina. Principalmente perché valgono quanto costano: molto poco! Hanno poche pagine e queste generalmente non contengono contenuti curati e di qualità, corretti e ottimizzati SEO da personale esperto, ma testi spesso autoprodotti dalla stessa azienda, che ha per core business altro rispetto a quello di un’agenzia web e di comunicazione. Sono siti che non producono visite, lande nella rete Internet, e sono un disastro totale da un punto di vista dell’indicizzazione per i motori di ricerca. Google, primo tra i motori di ricerca, dichiara in modo inequivocabile che è indispensabile puntare sui “contenuti di qualità”, per migliorare la posizione in Serp.

Meglio investire un budget appropriato in un progetto che preveda la realizzazione di un blog aziendale. Attraverso contenuti di qualità, interessanti e sempre aggiornati, si crea un rapporto diretto con l’utente, si accresce la fiducia, si consolida la reputazione sul web facendo conoscere le attività e le iniziative dell’azienda per condividerne i valori e la storia. Con l’apporto di professionisti della comunicazione questo investimento, nel medio lungo periodo, si tradurrà in un ritorno non solo economico per le conversioni da visitatore a lead, ma anche un investimento per la valorizzazione di un asset aziendale quale può essere un blog molto frequentato.

Scopri perché hai bisogno di un blog

È inutile girarci intorno: creare un blog e fare in modo che funzioni correttamente, richiede tempo e risorse, sia che tu sia un privato che il titolare di una azienda. La percentuale di coloro che lo abbandonano poco tempo dopo risulta molto elevata: uno dei motivi principali è che molti non hanno effettivamente idea del perché potrebbe essere utile crearne uno.

Ecco una serie di domande che ti faranno capire se effettivamente hai bisogno di creare un blog e perché dovresti farlo.

Vuoi crearti un futuro migliore? In molti hanno trovato un nuovo lavoro, senza nemmeno cercarlo. Altri si sono create delle rendite automatiche. Ad altri ancora è servito ad aumentare le entrate ed il fatturato della propria attività. Ma forse non saprai che alcune multinazionali hanno formato delle leadership di pensiero, creando un grande seguito di possibili clienti. Altre aziende, invece, hanno eliminato attraverso le informazioni veicolate dal blog la cattiva reputazione che si era creata tra i consumatori nei confronti dei propri prodotti.

Vuoi essere di aiuto agli altri? Creare un sito web di successo significa prima di tutto scrivere per gli altri: solo così i contenuti che verranno pubblicati attireranno l’interesse di qualcuno. La chiave per scrivere dei buoni contenuti è quella di risolvere i problemi degli altri raccontando le proprie esperienze, i successi, i fallimenti, e le tecniche utilizzate per superare gli ostacoli.

Vuoi creare un network di persone con i tuoi stessi interessi? Non importa che accada attraverso commenti, mail, social network o altri tipi di canali, ma attorno al tuo blog si creerà una rete di persone che condivideranno i tuoi interessi e i tuoi contenuti.

Vuoi guadagnare on line? È vero che per divertirsi a bloggare non bisogna necessariamente avere un ritorno economico. In tanti casi, infatti, l’idea di guadagnare con il tuo blog potrebbe precluderti il piacere stesso di condividere contenuti. Ma è anche vero che oltre al divertimento il blog può portare molti altri benefici, tra cui proprio quello di ottenere una rendita automatica.

 Vuoi avviare o promuovere una attività? Alcuni aprono un blog spinti da una passione, o come dicevamo prima per guadagnare on line, o ancora per promuovere la propria attività. Sta di fatto che il blog di per sé può costituire una grandissima opportunità di business. Molti sono coloro che hanno trasformato il proprio blog in una nuova attività, oppure lo hanno usato come strumento per far conoscere e promuovere quella che già avevano. Se pubblichi contenuti che parlano dei tuoi prodotti o servizi, oppure dei tutorials, consigli e altri contenuti ad essi correlati, riuscirai ad attrarre un tipo di audience interessata a quello che offri e di conseguenza promuovere gratuitamente la tua attività.

Vuoi fidelizzare il pubblico? Ci sono diversi canali per creare un legame con i clienti se sei il titolare di un’attività. In primo luogo si possono sfruttare il Feed Rss, senza dimenticare la newsletter: i post del blog possono essere raccolti in base agli argomenti e distribuiti nei vari messaggi. Inoltre il blog è uno degli strumenti ideali per aumentare il numero degli iscritti alla lista e fare email marketing.

Se hai risposto “sì” ad almeno una di queste domande significa che hai bisogno di creare un blog.

Conquistare il web

Come conquistare un posto nel Web

Nell’era dell’iperconnessione non essere sul web significa non esistere. Con oltre 2,5 miliardi di persone online, Internet ha cambiato il modo di trovare e condividere informazioni. Il mondo online si muove a un ritmo velocissimo e non mostra alcun segno di rallentamento. Anzi. Dunque per far conoscere la tua azienda il passaparola non basta più. A meno che non sia sul web.

La prima cosa che tutti noi facciamo quando dobbiamo acquistare un nuovo smartphone o prenotare una vacanza è quella di digitare modello o destinazione su uno dei tanti motori di ricerca. Cerchiamo informazioni, recensioni, valutazioni dei clienti. Possiamo perciò facilmente capire quanto è importante comunicare professionalità sul web e quanto un sito moderno e professionale può aiutarci a centrare questo obiettivo. Il primo passo da fare, dunque, per “esistere” sul web è la creazione di un sito internet.

Ma si fa presto a dire sito web. Nel web, e non solo, la prima impressione è quella che conta: quanto più saprai accattivarti lo sguardo e l’attenzione del tuo potenziale cliente e a comunicare credibilità nei primi secondi di visita sul tuo sito, tanto più questi sarà spinto ad approfondire per cercare quello che desidera.

Dietro ad ogni sito web, anche il più semplice, dovrebbe sempre esistere una progettazione che sia attenta a tenere in considerazione tutte le esigenze dell’azienda non dimenticando quelle dei potenziali clienti. Fatto ciò e messo online, il sito web non dovrebbe mai essere abbandonato. Per questo potrebbe venirvi in soccorso la sezione blog con contenuti che servono a raccontare l’azienda, i suoi prodotti e servizi, rispondere alle domande degli utenti. Aggiungono il tocco delle persone che lo vivono ogni giorno, aumentando la credibilità e aiutando il posizionamento sui motori di ricerca.

Anche i social network possono aiutare a dare credibilità e visibilità alla tua attività sul web. La comunicazione in pochi anni è profondamente cambiata e comunicare attraverso i social network è diventato l’equivalente di instaurare una relazione diretta con l’utente, che potrebbe diventare il tuo prossimo cliente. Azienda e cliente si sono virtualmente avvicinati e il loro è diventato un rapporto orizzontale che nel tempo fidelizza. Inoltre, i social sono un ottimo strumento per farsi pubblicità, ma soprattutto a far sì che i tuoi clienti ti facciano pubblicità, condividendo i tuoi contenuti, quindi il tuo nome e la tua qualità.

Abbiamo già detto di quanto sia importante l’aggiornamento del sito per un suo posizionamento, con un blog puntuale ed interessante. Ma di fondamentale importanza risulta essere ancora un lavoro di SEO che aiuti il tuo sito a mostrarsi interessante per Google e lo spinga in alto nelle ricerche effettuate da ogni tuo potenziale cliente. Per questo diventa fondamentale non solo quello che dici (o meglio scrivi), ma anche come lo dici. Inoltre, potrà tornarti utile la risorsa video che per la sua immediatezza ed efficacia è in grado di arrivare a tutti.

Elementi di portfolio